17 Aprile: Giornata di Sostegno ai Prigionieri Palestinesi

A FIANCO DELLE PRIGIONIERE PALESTINESI
IN LOTTA PER LA LIBERTÀ

Oggi ci sono 43 donne e ragazze palestinesi incarcerate nelle carceri israeliane. Molte di loro soffrono di problemi di salute e la pandemia globale di COVID-19 rappresenta una minaccia significativa, specialmente perché sono tenute in condizioni difficili nella prigione di Damon, che precedentemente era una scuderia per cavalli. Le donne palestinesi dietro le sbarre israeliane rappresentano tutti gli aspetti della società palestinese: parlamentari, leader, attiviste, studentesse superiori e universitarie, giornaliste, fotografe, blogger, assistenti sociali, operatrici sanitarie, madri, badanti, e molto altro. Moltissime le ragazze, anche minorenni.
Nel corso della storia della causa palestinese, le donne palestinesi sono state al centro del movimento di liberazione in tutti gli aspetti della lotta e storicamente hanno svolto un ruolo particolarmente significativo nel movimento de* prigionier* palestinesi, conducendo scioperi della fame e continuando la lotta per la libertà.

• Israa Jaabis – di Gerusalemme occupata, gravemente ustionata; condannata a 11 anni
• Marah Bakir – da Gerusalemme occupata, condannata a 8,5 anni (all’età di 16 anni)
• Malak Suleiman – di Gerusalemme occupata, condannata a 10 anni (all’età di 17 anni)
• Shorouq al-Badan – detenuta senza accusa o processo sotto detenzione amministrativa
• Shatha Hassan – Presidente del consiglio studentesco Bir Zeit, detenuta senza accusa o processo sotto detenzione amministrativa
• Bushra al-Tawil – giornalista palestinese di Ramallah, detenuta senza accusa o processo sotto detenzione amministrativa
• Khalida Jarrar – di Ramallah, arrestata in attesa di processo
• Ranwa Shinawi – Palestina occupata del ’48, arrestata in attesa di processo
• Inas Asafreh – di al-Khalil, arrestata in attesa di processo
• Mays Abu Ghosh – del campo profughi di Qalandiya, arrestata in attesa di processo
• Samah Jaradat – di Ramallah, arrestata in attesa di processo
• Azhar Qasem – di Qalqilya, arrestata in attesa di processo
• Suheir Salimiyeh – di al-Khalil, arrestata in attesa di processo
• Suzan Moubayed – di Gerusalemme occupata, detenuta in attesa di processo
• Halimeh Khandaqji – di Ramallah, arrestata in attesa di processo
• Balsam Sharaeh – di al-Lydd, Palestina occupata del ’48, arrestata in attesa di processo
• Nawal Fetheya – di Gerusalemme occupata, arrestata in attesa di processo
• Aya Khatib – Palestina occupata del ’48, detenuta in attesa di processo
• Shorouq Dwayyat – di Gerusalemme occupata, condannata a 16 anni
• Shatila Abu Ayyad – Palestina occupata del ’48, condannata a 16 anni
• Maysoun Musa Jabali – di Shawahreh (Betlemme), condannata a 15 anni
• Aisha al-Afghani – di Gerusalemme occupata, condannata a 15 anni
• Nurhan Awad – del campo profughi di Qalandiya, condannata a 10 anni
• Fadwa Hamadeh – di Gerusalemme occupata, condannata a 10 anni
• Amani al-Hashim – di Gerusalemme occupata, condannata a 10 anni
• Rawan Abu Ziyada – di Ramallah, condannata a 9 anni
• Nisreen Hasan – di Haifa, Palestina occupata del ’48, condannata a 6 anni
• Helwa Hamamreh – di Husan (Betlemme), condannata a 6 anni
• Amal Taqatqa – di Beit Fajjar (Betlemme), condannata a 7 anni
• Ansam Shawahneh – di Qalqilya, condannata a 5 anni
• Tasneem al-Assad – di Lakia, Palestina occupata del ’48, condannata a 5 anni
• Ayat Mahfouz – di al-Khalil, condannata a 5 anni
• Rahmeh al-Assad – di Lakia, Palestina occupata del ’48, condannata a 4,5 anni
• Sabreen Zbeedat – di Sakhnin, Palestina occupata del ’48, condannata a 50 mesi
• Jihan Hashima – di Gerusalemme occupata, condannata a 4 anni
• Asiya Kaabneh – di Duma (Nablus), condannata a 43 mesi
• Bayan Faraoun – di Gerusalemme occupata, condannata a 40 mesi
• Rawan Anbar – di Ramallah, condannata a 3 anni
• Amina Odeh Mahmud- di Gerusalemme occupata, condannata a 33 mesi
• Samar Abu Thaher – di Gaza, condannata a 2,5 anni
• Fawzieh Hamad Qandil – di Ramallah, condannata a 20 mesi
• Wafa Mahdawi – di Alshweika (Tulkarem), condannata a 18 mesi
• Rawan al-Samhan – di al-Khalil, condannata a 18 mesi

Solidità e resistenza: le donne prigioniere palestinesi affrontano la repressione*

* Estratto dell’articolo della coordinatrice internazionale di Samidoun, Charlotte Kates. È stato originariamente pubblicato per la Giornata internazionale della donna all’International Review of Contemporary Law , la pubblicazione dell’International Association of Democratic Lawyers .

“In prigione, sfidiamo la guardia carceraria abusante insieme, con la stessa volontà e determinazione a spezzarla in modo che non ci spezzi… La prigione è l’arte di esplorare le possibilità; è una scuola che ti addestra per risolvere le sfide quotidiane usando i mezzi più semplici e creativi, che si tratti della preparazione del cibo, della riparazione di vecchi vestiti o della ricerca di un terreno comune in modo che tutte possiamo resistere e sopravvivere insieme. Per i palestinesi, la prigione è un microcosmo della lotta molto più ampia di un popolo che rifiuta di essere schiavizzato nella propria terra e che è determinato a riconquistare la propria libertà”. – Khalida Jarrar, femminista palestinese incarcerata, e parlamentare del PFLP (Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina) [1]
L’incarcerazione costituisce un fronte importante per il controllo coloniale israeliano diretto contro la popolazione palestinese. Tuttavia, l’immagine del prigioniero palestinese è in gran parte maschile; in effetti, la grande maggioranza dei prigionieri politici palestinesi sono uomini. Tuttavia, le donne prigioniere politiche nella Palestina occupata hanno svolto un ruolo importante nella resistenza dietro le sbarre, riflettendo il ruolo delle donne palestinesi nella loro lotta di liberazione nazionale. Hanno incontrato dure torture, violenze di genere e repressione attraverso le politiche sistematiche delle forze di occupazione israeliane e sono state spesso prese di mira per la reclusione a causa dei loro ruoli guida in varie forme di resistenza all’occupazione israeliana.
Tra il 1967 e il 2017, circa 10.000 donne palestinesi sono state incarcerate dalle autorità israeliane per motivi politici e/o per il loro coinvolgimento nella resistenza palestinese. Questa cifra comprende le donne palestinesi che detengono la cittadinanza israeliana, le palestinesi di Gerusalemme e le donne palestinesi che vivono sotto l’occupazione militare israeliana diretta in Cisgiordania e nella Striscia di Gaza. Attualmente ci sono 43 donne palestinesi detenute come prigioniere politiche e detenute nelle carceri israeliane, su un totale di circa 5.000 prigionieri politici palestinesi. [2]

Flagranti violazioni del diritto internazionale
Quattro di queste donne sono incarcerate in detenzione amministrativa – prigione senza accusa o processo basato su un “fascicolo segreto”. Il contenuto di questo file segreto non può essere divulgato ai loro avvocati difensori o ai detenuti stessi. Ci sono circa 500 prigionieri palestinesi attualmente detenuti in detenzione amministrativa.
Tutte le donne prigioniere politiche palestinesi sono detenute nella prigione di Damon, una prigione israeliana all’interno della “linea verde” che delimita i confini dell’armistizio del 1948 dello stato israeliano. Ciò significa che le donne palestinesi – come la maggior parte dei prigionieri politici palestinesi – sono detenute al di fuori dei territori occupati del 1967 in Cisgiordania, Striscia di Gaza e Gerusalemme est, in violazione diretta dell’articolo 76 della Quarta Convenzione di Ginevra, che impone che una potenza occupante debba detenere i residenti di un territorio occupato all’interno di quel territorio occupato stesso [3] .

Tortura e maltrattamenti
Questa violazione ha molteplici e significativi effetti materiali sulla vita delle donne prigioniere palestinesi. Per consentire ai palestinesi della Cisgiordania o della Striscia di Gaza di visitare i loro familiari imprigionati, devono ottenere permessi speciali dall’amministrazione israeliana. Questi permessi vengono spesso negati per motivi di “sicurezza”. Quando questi permessi sono concessi, possono essere revocati in qualsiasi momento. Ciò significa che, in pratica, alle donne palestinesi possono essere spesso negate le visite familiari, anche dai loro coniugi e figli. [4]
Le donne palestinesi detenute subiscono abitualmente torture e maltrattamenti quando vengono arrestate e detenute, in particolare durante il processo di interrogatorio. Come riferisce Addameer Prisoner Support and Human Rights Association (una ONG palestinese che fornisce rappresentanza legale ai palestinesi detenuti):
“La maggior parte delle donne prigioniere palestinesi sono sottoposte a qualche forma di tortura psicologica e maltrattamenti durante il processo di arresto e detenzione, tra cui varie forme di violenza sessuale che si verificano come percosse, insulti, minacce, perquisizioni corporali e molestie sessualmente esplicite. All’arresto, le donne detenute non vengono informate su dove vengono portate e raramente vengono spiegate i loro diritti durante l’interrogatorio. Queste tecniche di tortura e maltrattamenti sono utilizzate non solo come mezzo per intimidire le detenute palestinesi, ma anche come strumenti per umiliare le donne palestinesi e costringerle a confessare”. [5]
La tortura e i maltrattamenti non sono il solo scopo degli interrogatori e dei soldati israeliani maschi. Mentre le forze armate israeliane spesso pubblicizzano il loro impegno per la parità di genere, per i palestinesi sotto occupazione, ciò significa semplicemente che i meccanismi di oppressione e controllo sono condivisi. Non forniscono soccorso alle donne palestinesi arrestate e detenute. Come osservato da Addameer, “le donne soldato israeliane dispiegano metodi violenti di controllo contro uomini e donne palestinesi nel tentativo di cercare rispetto e riconoscimento da parte dei soldati maschi e dei loro superiori”. [6]

Il “comitato Erdan” prende di mira i diritti dei detenuti e delle detenute
Mentre queste circostanze e molte altre sono state regolarmente documentate per decenni da organizzazioni palestinesi, internazionali e persino israeliane per i diritti umani e sostenitori della giustizia, le donne prigioniere palestinesi si trovano ad affrontare un clima di repressione intensificato e duri tentativi di recuperare quei diritti che hanno ottenuto attraverso anni di lotta dentro e fuori dalla prigione. Gilad Erdan, ministro della pubblica sicurezza del governo israeliano di Benjamin Netanyahu, che supervisiona il servizio penitenziario israeliano, ha presieduto una commissione nota come “comitato Erdan” per indagare sui “lussi” di cui godono i prigionieri palestinesi. [7] Molte di queste disposizioni di base, come l’accesso ad alcuni programmi di istruzione a distanza e cucine o canali televisivi separati, erano state ottenute solo attraverso anni di scioperi della fame e campagne correlate.
Molti degli sforzi del “comitato Erdan” si sono concentrati in particolare sulle condizioni delle donne prigioniere palestinesi. Lo stesso Erdan ha dichiarato che “dobbiamo peggiorare le condizioni” e ridurre le condizioni di vita al “minimo necessario”, chiarendo l’intento odioso delle politiche. [8] Una di queste azioni fu l’implementazione della videosorveglianza nel cortile della prigione di HaSharon, una delle due prigioni israeliane (entrambe, in particolare, al di fuori dei territori occupati del 1967 in violazione della Quarta Convenzione di Ginevra) che ospitavano prigioniere politiche palestinesi. [9]
Queste telecamere di sorveglianza sono state attivate nelle cucine collettive utilizzate dalle donne detenute, nelle aree della lavanderia e nelle aree di preghiera, nonché nei cortili ricreativi. Tutte le prigioniere hanno obiettato fortemente sul posizionamento delle telecamere, soprattutto sapendo che le guardie di sicurezza e i funzionari maschi avrebbero potuto vedere il filmato. Per le donne religiosamente osservanti, questi spazi sono ora aree pubbliche per ulteriori controlli, costringendole a coprirsi. Di conseguenza, le donne nella prigione di HaSharon hanno rifiutato di andare a ricreazione per oltre due mesi e hanno chiesto la rimozione delle telecamere. Diversi anni prima, le telecamere erano state installate ma erano state coperte e disattivate dopo una vasta campagna di protesta. Le telecamere di sorveglianza non sono le uniche misure repressive imposte alle prigioniere; Il comitato di Erdan ha anche imposto restrizioni sull’accesso all’acqua per le prigioniere palestinesi, limitando il numero di docce che potevano fare, un’altra questione di particolare preoccupazione per le donne palestinesi detenute. Migliaia di libri, che sono stati donati o regalati da membri della famiglia, sono stati confiscati dalla sezione femminile della prigione. [10]
In risposta allo sciopero della fame, la repressione nella prigione di HaSharon è aumentata. Ad un certo punto, l’acqua calda è stata completamente tagliata alla sezione femminile, le assegnazioni di carne e verdure sono state significativamente ridotte e multe significative, pari a centinaia di dollari, sono state imposte alle prigioniere palestinesi come forma di punizione. Alla fine, tutte le donne prigioniere sono state trasferite in massa nella prigione di Damon, un’azione considerata decisamente come una forma più elevata di punizione e repressione.

Dure condizioni di confinamento
Entrambe le prigioni sono note per le condizioni repressive, ma Damon è particolarmente dura, in parte a causa della sua storia come stalla per cavalli, ma anche per la sua distanza dalla maggior parte dei tribunali militari israeliani, dove le donne prigioniere palestinesi affrontano udienze multiple o hanno audizioni in corso. Come osservato dalla rete di solidarietà dei prigionieri palestinesi di Samidoun, “Le donne detenute hanno spesso citato l’uso della” bosta “, un veicolo usato per trasportare i prigionieri, dove sono incatenati durante il viaggio che spesso impiega ore e ore a causa di ripetute soste, controlli di sicurezza e altri ritardi.” [11]
Il “bosta”, chiamato per la sua somiglianza con un camion della posta, è costruito con panche di metallo. Le donne palestinesi sono spesso riunite con prigioniere israeliane che affrontano accuse penali, che a loro volta prendono di mira le detenute palestinesi con insulti e maltrattamenti razziali. Le donne palestinesi detenute hanno ripetutamente riferito che gli è stata negata la possibilità di usare il bagno e il veicolo prende una strada tortuosa che rende quello che dovrebbe essere un breve viaggio diretto una dura prova di un’ora. [12]
Come documentato dall’avvocato palestinese e difensore dei diritti umani Sahar Francis:
“Le donne detenute soffrono di negligenza medica sistematica. Nonostante ci sia una clinica medica in ogni prigione, il trattamento fornito è in gran parte insufficiente per soddisfare le esigenze delle prigioniere palestinesi. L’amministrazione penitenziaria non fornisce adeguati articoli per l’igiene personale, costringendo le donne detenute ad acquistare questi oggetti dagli spacci della prigione con i propri soldi… Il parto all’interno del carcere è particolarmente disumano. Le mani e i piedi della prigioniera incinta vengono incatenati sulla strada per l’ospedale, e vengono temporaneamente allentati solo durante la fase finale del travaglio (il parto effettivo), dopo il quale vengono immediatamente rimessi a posto… Le donne detenute vengono anche punite con sanzioni che includono l’accesso limitato ai bagni durante le mestruazioni.” [13]

La Resistenza delle donne palestinesi
Le prigioniere politiche palestinesi hanno trovato il modo di continuare la loro resistenza e lottare dietro le sbarre. Nahla Abdo scrive nel suo importante libro che studia la vita delle donne palestinesi incarcerate:
“La resistenza, la lotta e la lotta contro l’oppressione non si fermano alle porte delle carceri o dei campi di detenzione. L’impegno per la libertà, l’amore per la patria e la determinazione a lottare contro l’oppressione – elementi che stimolano le donne combattenti e le spingono a resistere – continuano ad essere le forze trainanti per la loro sopravvivenza in carcere. I metodi di resistenza usati dalla maggior parte delle detenute politiche femminili includono scioperi della fame, rifiuto di lasciare le loro celle, disobbedienza agli ordini delle guardie carcerarie, persistere nel fare richieste, ecc. La resistenza, in altre parole, può essere attiva e diretta oppure passiva. L’aumento della coscienza sociale e politica fornito dalle generazioni più vecchie e più giovani di detenuti politici ai nuovi arrivati è comune anche a molti detenuti politici a livello globale. L’educazione alla resistenza nelle carceri, espressa in incontri educativi formali, seminari, workshop e lezioni di consapevolezza sull’alfabetizzazione è praticata anche dalle detenute politiche femminili”.[14]
Nell’aprile 1970, le donne prigioniere palestinesi nella prigione di Neve Tirza hanno lanciato uno dei primi scioperi collettivi della fame nel movimento dei prigionieri palestinesi quando hanno rifiutato il cibo per nove giorni. Hanno chiesto l’accesso alle forniture sanitarie delle donne, nonché la fine di percosse e isolamento. [15] Le donne palestinesi sono state costantemente coinvolte in scioperi della fame e azioni di protesta in tutte le carceri. Questi includono scioperi specifici di donne detenute nel 1985, 2004 e 2019, nonché in diverse altre occasioni. Queste lotte hanno ispirato campagne femministe internazionali per sostenere gli scioperi. [16]

Negazioni del diritto all’istruzione
Le ragazze palestinesi sono colpite da ordini militari che indirizzano i casi dei minori palestinesi ai tribunali militari, che fondamentalmente mancano di diritti e protezioni fondamentali per un processo equo, un sistema completamente diverso da quello usato per i minori israeliani. Una volta imprigionati, i minori palestinesi ricevono un massimo di 20 ore settimanali di istruzione, rispetto alle 35 ore nelle scuole esterne, ma almeno il 25% di loro non ha ricevuto affatto istruzione. D’altra parte, i minori detenuti israeliani ricevono un programma educativo completo che li prepara a superare l’esame di diploma del liceo nazionale. [17]
Nel 2018, le ragazze palestinesi nella prigione di HaSharon non hanno ricevuto istruzione per diversi mesi, spingendo le donne palestinesi, guidate dalla femministe di spicco Khalida Jarrar, detenuta politica, avvocato e deputata, a sviluppare un programma di educazione auto-organizzato. Questo programma comprendeva la preparazione per gli esami di scuola superiore in matematica, scienze e lingue per le ragazze minori, nonché sui diritti umani e l’educazione al diritto internazionale, compreso lo studio del CEDAW (Convenzione sull’eliminazione di ogni forma di discriminazione della donna). [18] I funzionari delle carceri israeliane hanno tentato di interrompere le lezioni, facendo sì che le prigioniere palestinesi rifiutassero i pasti e lanciassero proteste per proteggere il loro diritto all’istruzione [19].

Note:
[1] Khalida Jarrar, “Foreword,” in Ramzy Baroud, These Chains Will Be Broken: Palestinian Stories of Struggle and Defiance in Israeli Prisons. Clarity Press, 2020
[2] Addameer Prisoner Support and Human Rights Association, “Imprisonment of Women and Girls”. Novembre 2018, http://www.addameer.org/the_prisoners/women
[3] Convenzione (IV) relativa alla protezione delle persone civili in tempo di guerra. Ginevra, 12 agosto 1949, Art. 76
https://ihl-databases.icrc.org/…/6756482d86146898c125641e00… [4] Public Committee Against Torture in Israel and World Organization against Torture, “Violence Against Palestinian Women.” July 2005, https://www2.ohchr.org/engli…/bodies/cerd/docs/ngos/OMCT.pdf [5] Addameer, “10 Facts about Administrative Detention,” 5 Novembre 2015, http://www.addameer.org/…/10-facts-about-administrative-det…
[6] Id.
[7] Tamara Nassar, “Palestinians launch mass hunger strike against prison repression,” Electronic Intifada. 12 Aprile 2019, https://electronicintifada.net/…/palestinians-launch-mass-h…
[8] Nassar, ibidem.
[9] Samidoun Palestinian Prisoner Solidarity Network, “Palestinian women prisoners escalate struggle against repression.” 31 Ottobre 2018, https://samidoun.net/…/palestinian-women-prisoners-escalat…/
[10] Id.
[11] Id.
[12] Leena Jawabreh, “Facing Imprisonment in Israeli Jails: A Palestinian woman’s testimony,” Samidoun. 22 Settembre 2013, https://samidoun.net/…/facing-imprisonment-in-israeli-jail…/
[13] Sahar Francis, “Gendered Violence in Israeli Detention.” Journal of Palestine Studies, Vol. XLVI No. 4 (Summer 2017)
[14] Nahla Abdo, Captive Revolution: Palestinian Women’s Anti-Colonial Struggle Within the Israeli Prison System. 2014, Pluto Press, p. 34
[15] Mustafa Abu Sneineh, “Beds, kettles and books: How hunger strikes changed the cells of Palestinian prisoners,” Middle East Eye. 1 Maggio 2019, https://www.middleeasteye.net/…/beds-kettles-and-books-how-…
[16] AWID, “Feminist perspectives on the Palestinian prisoner hunger strike,” 26 Maggio 2017. https://www.awid.org/…/feminist-perspectives-palestinian-pr…
[17] Addameer, “Education within the Israeli Prisons: A Deliberate Policy to De-Educate,” 9 Giugno 2019, http://www.addameer.org/…/education-within-israeli-prisons-…
[18] aclynn Ashly, “Khalida Jarrar: ‘I will never stop speaking out,’ Electronic Intifada, 28 Marzo 2019, https://electronicintifada.net/…/khalida-jarrar-i-wil…/26961
[19] Samidoun, “Imprisoned Palestinian girls denied educational rights as women self-organize high school exam preparations,” 13 April 2018. https://samidoun.net/…/imprisoned-palestinian-girls-denied…/

Liberamente tratto e tradotto da:
https://samidoun.net/…/palestinian-women-prisoners-the-con…/

Grazie per il lavoro  di traduzione  svolto dalla nostra compagna Luisa

Questa voce è stata pubblicata in Home, Rassegna stampa e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.